» Viaggi

27-12-2014/03-01-2015

immagine

Marrakech Discovery

Primi di novembre, capodanno si avvicina e la pressione di trovare qualcosa da fare inizia a farsi sentire...Maurino vorrebbe andare in un posto caldo, per sfuggire alle nostre nebbie e brine mattutine...di fronte al mio vecchio pc ci troviamo a far girare google maps per trovare qualcosa di interessante...qui no, questo già fatto, Tenerife 2 anni fa...però il Marocco, è lì vicino, si starà bene dai...aggiudicato!

Ora bisogna organizzare il viaggio però...memore di Tenerife 2012, dove ho rischiato di farlo fuori, Mauro mi propone di appoggiarci ad Avventure nel Mondo, che hanno già un piano, dei contatti, esperienze positive delle sue sorelle e altri buoni aspetti, come il non dover mappare e organizzare prima tutto, come invece sono solito...ogni tanto fa bene anche godersi la vacanza senza troppi pensieri!


Prenotiamo il viaggio e rifaccio il passaporto, scaduto da 10 anni esatti...questo giro ho tempo anche di studiare un po', le prospettive sono buone.

Tra ambulanze, mail con i nuovi sconosciuti e dubbi sul sacco a pelo dicembre passa in fretta e passato Natale impacchetto le mie 2 cose per il viaggio.

Ci siamo!


Sabato 27 dicembre, ci buttiamo in aeroporto a Bologna, tra le migliaia di persone che perdono il volo per Sharm el Sheik, noi con calma arriviamo puntuali all'imbarco, peccato i primi fiocchi di neve dell'anno cadano giusto sul nostro aereo...1 ora di ritardo per scongelarlo...cominciamo bene...

Arriviamo a Casablanca con un'ora di ritardo, poco prima dell'aereo da Roma in ritardo anche lui e cominciamo a fare conoscenza con i nuovi amici di questo viaggio.

Dopo una struggente trattativa con i tassisti notturni dell'aeroporto, arriviamo in centro a Casablanca, lasciamo le borse in albergo e andiamo a cercare del cibo...primo impatto un po' traumatico, caos e degrago dappertutto, però con 2,5€ strappiamo un kebab e una coca...ora possiamo andar a letto sereni.



Segnala a delicious Segnala a facebook Segnala a Google Segnala a Microsoft Life Segnala a Twitter
 



Tabella di viaggio:

28/12 Casablanca – Volubili - Moulay Idriss – Meknes - Fes

29/12 Fes (visita fino alle 14 ca) - Gole di Ziz

30/12 Gole di Ziz - Merzouga, Erg Chebbi (deserto)

31/12 Deserto – Gole del Todra – Ourzazate - Ait Benhaddou

01/01 Ait Benhaddou – Marrakech

02/01 Marrakech

Pag. - 1 - 2 - 3

La squadra

immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine

28 dicembre

Casablanca – Volubili - Moulay Idriss – Meknes - Fes

Sveglia all'alba (anzi è ancora buio), colazione e via sul nostro nuovo pulmino, con Muolay che accompagnerà per tutto il viaggio. La prima tappa è una rapida visita alla gigantesca moschea di Hassan II, talmente grande che potrebbe contenere San Pietro al suo interno, rivestita di pregiati marmi di carrara e splendenti vetri di Murano. Tempo 20 minuti per attraversa la piazza e ci avviamo col pulmino per le altre visite della giornata: Volubili, Muolay Idriss, Meknes e Fes.

Verso mezzogiorno arriviamo ai resti dell'antica città romana di Volubili, 3 sassi appoggiati lì che testimoniamo la potenza e la presenza dell'impero romano in queste terre (patrimonio mondiale dell'Unesco).
Proseguiamo la giornata visitando poi la città santa del Marocco Moulay Idriss, fino a pochi anni fa inaccessibile ai non mussulmani, dove prendiamo anche i primi contatti seri con la cucina locale.

Avanti coi carri e giungiamo a Meknes, città imperiale che si trova tra le montagne del Rif e del Medio Atlante, qui la nostra guida Bouchra ci illustra molto bene le storie della scuola coranica, della Grande Moschea, dei granai del Marocco (in tempi di carestie, il Marocco ha saputo resistere grazie alle sue enormi scorte di grano) e delle scuderie imperiali. La visita procede in uno dei tanti centri di artigianato, dove si realizzano damaschinato, tovaglie, tappeti... ci offrono il the alla menta e si passa a trattare gli acquisti...Chiudiamo la giornata con un'ottima cena al raid di Bouchra e poi rotta verso Fès.

immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine

29 dicembre

Fes (visita fino alle 14 ca) - Gole di Ziz

Mentre facciamo colazione, sul tetto la pioggia ci farà presagire che non sarà una giornata troppo semplice...la nostra guida odierna ci viene a prendere e borse in braccio sotto la pioggia attraversiamo il quartiere sotto la pioggia per arrivare al pulmino.
Partiamo dal palazzo reale con le sue sontuose porte, passando poi al quartiere ebraico mellah prima di giungere ad un punto panoramico che offre un'ampia vista sulla intricata medina; foto e via, visita ad una cooperativa di ceramiche e poi ci infiliamo nel dedalo della medina di Fès, in cui è praticamente impossibile uscirne o trovare la retta via senza affidarsi ad una guida.

Fès è famosa anche per le sue concerie di pelle, si possono trovare infatti quartieri adibiti al trattamento delle stesse...che sembrano più gironi infernali, in cui gli artigiani agitano le pelli nei pozzetti pieni di liquidi nauseabondi.

Riprendiamo il giro passando per un'erboristeria dove si prepara l'olio di argan e suoi derivati, shopping compulsivo e ci mettiamo in modo per la prossima tappa, le Gole di Ziz.

A sera arriviamo al nostro alloggio, disperso nei monti dell'atlante...qui prendiamo contatto coi i primi berberi, che dopo un'ottima cena ci intrattengono con canti e balli tipici.

immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine

Pag. - 1 - 2 - 3

Torna su