» Mtb

17/18-06-2017

immagine

Salami on Tour: 3 Confini e Gole d'Uina

Il primo vero test in vista del weekend ufficiale per la conquista del ghiacciaio a fine luglio, si conclude nel migliore dei modi...tanta fatica (non tutti...) per raggiungere ogni traguardo che ci si presentava...chi per il primo svalico a spinta, chi per arrivare a sera all'albergo...chi per la salita della domenica... ma tanta soddisfazione per aver portato a termine il giro e visitato uno dei posti più suggestivi visti finora. Partenza col vino fresco da San Valentino alla Muta, subito rampe al 15% ci fanno capire che sarà dura, sosta birretta a metà salita e ci inerpichiamo in una splendida vallata fino al passo che si apre sulla valle di Slingia. Da qui un simpatico su e giù su sentieri anche proibiti (ci hanno detto dopo) ci porta al rifugio Sesvenna, dove ci troviamo con Alessio e Giorgia giusto per pranzo...ricaricate le batterie (quasi tutte) ripartiamo verso ovest lungo le torbiere che portano al passo Slingia e a superare il confine con la Svizzera. L'obiettivo è visitare le gole d'Uina, una stretta e angusta gola attraversata da un torrente urlante e dove l'uomo ha costruito un impressionante sentiero scavando nelle pareti a picco nella roccia. Dopo ci aspetta una forestale e una ciclabile da liberarcene al più presto e il mostro finale...600 m di salita per arrivare alla agognata Nauders entro cena...19:50 siamo a tavola e scopriamo quanto sia preziose l'acqua in Austria... Domenica ancora un gran sole ci aspetta, c'è da salire altri 600-700 m non proprio banali, però c'è il rifugio che ci aspetta...meritato relax e dopo via verso Pian dei Morti, la linea di confine fortificata della II guerra mondiale, caratterizzata dai sui denti di drago, strutture anti carro realizzate a forma di coni su 3 uina, in grado di bloccare l'eventuale avanzata dei carri armati nemici. Da qui la parte più panoramica, con lo Stelvio che si apre di fronte a noi sopra il lago di Resia col suo campanile affogato. Ultima chicca discesistica enduro verso il lago e salamino finale, prima della merenda alla Forst a Merano. In totale quasi 3000m di dislivello e un 65 km percorsi nei 2 giorni...molto impegnativo ma molto bello e grande team! alla prossima!.



Segnala a delicious Segnala a facebook Segnala a Google Segnala a Microsoft Life Segnala a Twitter
 


immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine
Torna su